Home

ESPLORARE I CONFINI

Non è un fatto scontato che in mezzo alla fretta e alla distrazione dei nostri tempi, un centinaio di persone si ritrovino settimanalmente per condividere conoscenze, riflessioni e arte. Sono contenuti che hanno poco spazio nei grandi canali mediatici e comunque la fruizione in quel caso è facilmente individuale e solitaria. Spesso, in molte città, sono circoli e associazioni culturali che curano senza clamori questo aspetto. Forse è un’altra forma di distrazione. Ma è più credibile che risponda ad un’esigenza antica e profonda, quella di continuare a crescere nella propria comprensione, a confrontarsi col pensiero di altri, con le forme sempre nuove, sorprendenti e complesse della bellezza artistica. E averne la possibilità è senza dubbio una componente fondamentale del benessere personale e sociale.
Del resto, è soprattutto su questo piano che ci può essere un incontro vivo e fecondo tra generazioni e con chi è diverso per cultura, sensibilità, formazione. Maria Assunta Maiorano e le persone che per più di due decenni le sono state vicine in questo impegno, ma anche tutte le socie e i soci che in varie forme hanno partecipato e collaborato, hanno creato una realtà che è un patrimonio da non disperdere. Per questo il presidente, i membri del direttivo e i collaboratori, si sono impegnati per rilanciare le attività del Bianchini con rinnovata energia, guardando avanti verso il futuro della nostra città e dei nostri giovani, cercando quindi di allargare e rendere varia la proposta culturale.
ESPLORARE I CONFINI è il titolo che ad un certo punto è emerso e che è un invito a cogliere la sfida della complessità a volte caotica dei nostri tempi: servendosi degli strumenti mai spuntati dello spirito critico e dell’onestà intellettuale, guardare in ogni direzione, insieme, senza paure, per cercare di capire e indovinare risposte e soluzioni.
Il programma di quest’anno offre incontri di alto livello scientifico e culturale e di qualità artistica. È il segno della vitalità straordinaria delle donne e degli uomini che hanno creato il Bianchini, ci si potrebbe vedere l’eredità spirituale di Maria
Assunta. Ma ha bisogno della collaborazione di tutti.

Andrea Angelucci


Per informazioni su corsi ed eventi scrivere a info@circolobianchini.it